campagnia finanziata ai sensi del regolamento n. 1308/13

Solo rispettando gli equilibri naturali della terra e della vite, si produce un vino che esprime
tutta la sua personalità e la sua storia.

L'azienda

L’antico podere Fonterenza è un luogo ricco di memoria. Situato a circa 2 Km dal paese di Sant'Angelo in Colle, nella zona sud del comune di Montalcino, deve il suo nome alla fonte che scaturisce sotto il poggio su cui è edificato.
Acquistato dalla nostra famiglia nel 1975, Fonterenza è oggi la sede dell'azienda agricola biologica condotta da noi, Francesca e Margherita Padovani, milanesi di nascita e ilcinesi di adozione. Qui, sin da bambine abbiamo trascorso gran parte del nostro tempo, creando un forte legame con questi luoghi. Qui è nata la nostra passione per la terra. Trasferiteci definitivamente da Milano nel 1997, abbiamo iniziato l'attività agricola occupandoci di olivicoltura, ancora oggi un settore fondamentale della nostra produzione, ancorché di ridotte dimensioni, ma per il quale nutriamo una profonda affezione.

Il 1999 è l'anno dell’impianto dei nostri primi vigneti, quello “del Bosco” e quello “della Strada”. Questa data segna l'inizio di un'avventura che ci ha viste, da quel giorno, curare e accudire personalmente il vigneto pianta per pianta, imparando dal lavoro quotidiano e dal confronto con grandi e piccoli produttori di questo come di altri territori. Un dialogo costante che continua tutt'ora a svolgersi in ogni occasione e incentrato sui diversi metodi colturali, sul clima, le tradizioni, il mercato, il futuro della viticoltura...
Un processo di lavoro e di conoscenza cui ha fatto da corollario la scelta dell'Agricoltura Biologica e, successivamente, di quella Biodinamica, alla ricerca costante di un equilibrio con la terra coltivata: un modo di vivere e lavorare sentito anche come un dovere verso le generazioni a venire.
Una pratica agronomica attenta e rispettosa degli equilibri naturali delle piante e della terra ci ha spinte, quindi, ad avere lo stesso approccio con l’uva e la trasformazione di essa. Ci definiamo produttrici di “vino naturale”, termine oggi molto discusso ma che spiega in modo semplice la filosofia alla base del nostro lavoro: il vino è frutto della terra su cui crescono le nostre viti, dell'andamento stagionale e delle scelte che, di volta in volta, operiamo senza forzature in vigna e in cantina, al fine di preservare le peculiarità di ogni annata. Ogni vino ha pertanto la sua personalità e la sua storia, nonché la sua diversa voglia di raccontarsi.

La cantina

La cantina, situata al podere Fonterenza, si suddivide in due settori: quello di vinificazione e quello di affinamento. Entrambi gli spazi sono stati ricavati da stanze che una volta erano adibite a stalle e granai. Le uve, all’arrivo in cantina, vengono diraspate e pompate nei diversi contenitori. Per la fermentazione del BRUNELLO DI MONTALCINO D.O.C.G, del ROSSO DI MONTALCINO D.O.C. e del LUPO DI FONTERENZA I.G.T. TOSCANA utilizziamo tini-botte troncoconici di legno; per gli altri vini, serbatoi in acciaio inox e mastelle aperte da 1.000 Kg. Le uve fermentano spontaneamente senza coadiuvanti enologici né trattamenti chimico-fisici, al fine di preservare le caratteristiche microbiologiche dell’annata ed esprimere al massimo il nostro terroir. A seconda dell’annata, e quindi delle necessità del mosto, vengono usate diverse tecniche, quali rimontaggio, delestage, follature manuali, piemontesina ecc.

Affinamento

Per l’affinamento dei nostri vini utilizziamo, a seconda della tipologia, tini-botte di rovere (18-50 hl), botti di rovere di Slavonia (11-35 hl) , tonneaux e barriques.

“Un Brunello di assoluta autenticità, dotato di un ammirevole sense of terroir.”

vinoalvino.org